Home Immobili IMU, CONFEDILIZIA ANNUNCIA ALIQUOTE RECORD
IMU, CONFEDILIZIA ANNUNCIA ALIQUOTE RECORD
Immobili
Lunedì 05 Novembre 2012 09:37

 

Confedilizia è tornata a fare il punto sull’introduzione dell’Imu, l’imposta sulle proprietà immobiliari voluta fortemente dal premier Mario Monti, tanto da esser contenuta nel suo primo provvedimento il decreto Salva Italia.

 

 

 

 

Per l’associazione edilizia la nuova imposta ha provocato, per via dei forti aumenti varati dai comuni un incremento di oltre il 207% rispetto alla vecchia Ici, l’imposta sugli immobili abrogata dal governo Berlusconi nel 2008.

Mentre gli italiani stanno fronteggiando il pagamento della seconda rata del tributo, il presidente dell’associazione Sforza Fogliani, sottolinea quanto varato dai comuni, che avevano come termine il 31 di ottobre per decidere il da farsi, rispetto all’aliquota standard del 7,6 per mille.

Fogliani ha fatto sapere che 13 comuni su 20 hanno applicato l’aliquota massima del 10,6 per mille.

Il decreto prevedeva infatti partendo dall’aliquota base ai singoli comuni di decidere se aumentare o ridurre l’imposta. La situazione di crisi di liquidità in cui versano le principali amministrazioni comunali, ha visto il ricordo ad aumenti nella stragrande maggioranza dei casi.

Fogliani parla di illegittimità, in quanto il decreto prevede per talune tipologie di immobili la possibilità di abbassare l’aliquota e non di aumentarla, come quelli concessi in locazione. Il presidente di Confedilizia annuncia l’impugnazione di questi aumenti,che dovrò esse fatta a livello locale.

Inoltre il presidente sottolinea che gli aumenti come per l’Ici devono esser giustificati da condizioni avverse in cui versano i comuni. Quindi in caso di condizioni di stabilità sarebbero giustificare riduzioni dell’imposta.

A questo punto si attende la reazione da parte del governo che fino al prossimo 10 di dicembre potrà decidere se modificare le aliquote o rispettare le decisioni dei comini.

 

Wikifinanza.it mette a disposizione un ebook sugli investimenti immobiliari, scaricabile gratuitamente cliccando il seguente link:

http://www.wikifinanza.it/ebook_immobili.php

 

Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie policy.

Accetto i cookie di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information